Posts contrassegnato dai tag ‘sciacca’

995369_1723376727907719_3811539454958672613_nCon colpevole ritardo voglio esprimermi sugli ultimi ospiti che hanno utilizzato la vetrina del mio programma radiofonico, i VHSUPERNOVA e lo faccio paragonando una sorta di TETRIS musicale fatto di talenti VERI, che incontrandosi e intersecando le rispettive attitudini e abilità hanno dato vita ad un gruppo musicale secondo me molto promettente e che saprà farsi strada a testa alta in quella che è diventata una vera e propria jungla di talenti. I VHSUPERNOVA fanno una musica FRESCA, immediatamente orecchiabile, unendo voci melodiose a strumenti classici, arricchendo il tutto con sound elettronici contemporanei. La nota di rilievo riguarda anche i testi, scritti da loro stessi e che si impongono ad una riflessione attenta e allo stesso tempo leggera.

E’ stato veramente un piacere conoscere loro (l’unico fortunato ragazzo del gruppo è di Sciacca) ed anche la loro manager, Tania, che non li molla MAI e li segue ovunque, spronandoli, con occhi, video, live su facebook, foto, tag ed ogni cosa la tecnologia moderna possa aiutare la musica a raggiungere ogni dove in maniera CAPILLARE!

Potete ascoltare il PODCAST qui: VHSUPERNOVA.wma

“Supernova” e “Aspettami” sono già disponibili nei maggiori store digitali come iTunes, Google Play e nei siti di streaming musicale come Spotify. Qui, nella sezione MUSIC del sito, troverete in download gratuito la versione acustica di “Aspettami”!

Che aspettate a scaricarla?!543f03_bc5346b1a3524f9b9a84330d5f597d10

Dal Gennaio 2016 è iniziato l'”ASPETTAMI TOUR” che vedrà performare i giovani ragazzi in giro per l’Italia con i brani del loro primo Ep, CARDIOLOGIA, contenente “Aspettami” e una versione totalmente rivisitata di “Supernova”!

Potete seguire tutti gli aggiornamenti sugli eventi e le pubblicazioni inedite sulla pagina Facebook “Vhsupernova”, sul canale Youtube VHSUPERNOVA e qui, sul sito ufficiale del gruppo.

 

Annunci

Fotor_145527312162924Dei miei ospiti che nel tempo hanno arricchito la mia cultura, le mie conoscenze, sicuramente Deborah Italia è fra quelle che più hanno colpito per la disponibilità e anche per una bellissima voce femminile capace di incantarti anche solo a sentirne il suono (e sapete quanta attenzione io faccia in questo particolare settore). Accompagnata dal collega Michele Santangelo, 12697474_227339534275034_4802214954435200568_o Deborah di origini siciliane, è stata disponibilissima a parlare un pò di sè, della sua esperienza da presentatrice del carnevale e soprattutto ci ha fatti entrare nel suo mondo, un mondo fatto di musica, belle canzoni e tanto lavoro.
Il suo intervento è disponibile nella sezione PODCAST di questo BLOG oppure qui: Deborah Italia

Oilalà, tuonava il buon Mike Bongiorno! Mi immergo nei pensieri delle cose di ogni giorno, ma prima di far ciò, vi consiglio vivamente di ascoltare questi due nuovi PODCAST che ho inserito oggi.PODCAST AGGIUNTI Son di 2 cantanti di talento che è veramente un peccato non vedere sopra un palco di un TALENT a raccogliere appalusi. Meritano comunque un orecchio e certamente anche di più, ma il loro pubblico li ama già…

Uno si chiama Luketto ed è possibile ascoltarlo qui: LUKETTOIl secondo invece potete ascoltarlo qui: Clemente – Due chitarre. due mondi. Tanta bravura
Sicuramente torneranno in diretta all’ITALIA DEL MATTINO da me, per dare vita ad altri fantastici LIVE!

Cari amici, il tempo mi stringe inesorabile in un imbuto, ma lo stesso sono qui a comunicarvi l’inserimento di ben TRE nuovi PODCAST di altrettanti ospiti del mio programma: il TEAM di STAR PER UNA NOTTE

(concorso canoro dedicato a giovani cantanti emergenti), il ceramista  Antonino Carlino (presidente dell’ordine dei ceramisti che parla di questo meraviglioso settore) ed infine un RAPPER fantastico di Menfi che si esibisce in tre LIVE nella mia “ITALIA DEL MATTINO”

Come sempre li trovate nella sezione PODCAST del mio https://joeprestia.wordpress.com – Buon ascolto!!

carlino   starmrevil

filoshockRingraziando l’associazione che ci sta supportando con la proverbiale caparbietà, riporto per intero la lettera di accorato appello che, a nome delle famiglie di disabili, compresa la mia, interessate dal problema (ma anche tutte le altre, in fondo) è stata inviata all’ALTRASCIACCA
 
Alla c.a. della
Associazione di promozione sociale “L’AltraSciacca”

Oggetto: Anomalie rimborso carburante alle famiglie dei disabili 

Gentile Associazione, gentile presidente Mistretta,

siamo un folto gruppo di famiglie di Sciacca accomunate dal problema delladisabilità dei nostri figli. Si tratta di disabilità varie che vanno dall’autismo, alla sordità, al ritardo mentale e a problemi anche fisici di natura così diversa che spesso stentiamo a credere che esistano così tante patologie che colpiscono i bambini spesso già alla nascita.

Come Lei ben saprà, siamo costretti a viaggiare per garantire ai nostri bambini un’assistenza sanitaria che ci aiuti a crescerli correggendo, ove possibile, ciò che li affligge; (ma voglia crederci quando Le diciamo che spesso per la natura stessa della disabilità, i problemi non si risolvono affatto).

Ogni sacrificio che facciamo, trova vigore dall’amore incondizionato per coloro i quali amiamo di più e non chiediamo né di essere “capiti”, perché finché non lo si vive in prima persona non lo si capirà mai veramente, né di essere “compatiti”. La compassione non è un nostro bisogno per fortuna. Ci basta poco, un loro sorriso, un traguardo guadagnato nella riabilitazione, e non desideriamo nient’altro.

Tuttavia tutto ciò ha un costo, perché nella nostra città non esistono attualmente centri riabilitativi in grado di offrire questi preziosi servizi e siamo costretti a spostarci nella vicina Castelvetrano (nel nostro caso) dove ne esistono diversi. Fortunatamente i costi delle sedute riabilitative sono coperti dall’ASL e noi ci facciamo carico, con nostri mezzi, del trasporto fino a destinazione.

E qui sta il problema per cui scriviamo alla vostra associazione. I costi del carburante fino all’anno scorso erano regolarmente coperti dalla Regione Sicilia che, grazie alla legge 328 del 2000 eroga un capitolo di spesa ai comuni e quindi anche al Comune di Sciacca, che ogni tre mesi si occupa di rimettere le rispettive somme destinate al rimborso del carburante utilizzato per raggiungere i centri, in base ai conteggi delle sedute che noi stessi firmiamo e presentiamo poi all’ufficio Affari Sociali. Purtroppo negli ultimi mesi questo meccanismo si è inceppato bloccando i contributi per diversi mesi e gettando tutti quanti noi nella totale disperazione, se si pensa al costo ormai insostenibile del carburante, ma soprattutto in considerazione del numero di sedute e quindi di viaggi che dobbiamo sostenere. Per fare un esempio, in media ci sono quattro sedute settimanali per un totale di 280 chilometri che ripetiamo per quattro settimane al mese per un totale che supera i 1100 chilometri ogni 30 giorni! E alcuni di noi affrontano sei viaggi a settimana. Le lascio immaginare il dramma che aggrava una situazione familiare già esasperante!

Dal Comune i soldi non arrivano da NOVEMBRE e veniamo liquidati da spiegazioni più disparate; l’anno scorso si attribuiva il ritardo alla Regione, ma gli altri comuni, come Castelvetrano, pagavano puntualmente i propri utenti! Perciò, tirando le somme, il problema non era per niente regionale!

A fine 2012 c’era un ritardo di alcuni mesi, periodo ben noto a tutti quanti, in cui il comune era in seria difficoltà e non poteva pagare neanche i propri dipendenti. Il problema ci sembra di liquidità, dato che, non appena puntualmente si ha la riscossione di Tributi comunali, magicamente si provvede a erogare le somme.

Sappiamo che il periodo è di profonda crisi economica, ma a questo punto ci chiediamo perché non si dà più rispetto e peso alle varie categorie quando si decide di ripartire queste somme?

Noi per la gente non esistiamo, siamo INVISIBILI perché finora i media hanno dato visibilità solo a chi protesta o a chi è amico dell’amico di…, la comunità tutta sa che ad avere problemi sono gli operai della RACCOLTA RIFIUTI, gli impiegati COMUNALI, gli LSU ed altri che hanno alzato la voce per una giusta causa, avendone tutto il diritto! Noi invece siamo sempre rimasti invisibili; non ci incateniamo, non possiamo scioperare. La dignità con cui affrontiamo i problemi GRAVI dei nostri figli ci porta anche a soffrire in silenzio, ad andare avanti a testa alta, convinti che magari certe cose siano solo spudorate coincidenze e che tutto possa risolversi senza far chiasso, senza proteste, senza per forza farci notare.

Noi abbiamo profondo rispetto per le famiglie degli operai, degli impiegati, dei dipendenti degli enti, delle associazioni che hanno il diritto di arrivare alla fine del mese e di garantire una vita dignitosa ai loro figli “normali”.

Ma messi su uno stesso piatto della bilancia credo che difficilmente si possa superare la disperazione di chi, oltre ai problemi economici, si ritrova ad avere uno o più figli (ebbene si, alcuni di noi hanno entrambi i figli con handicap) con tanti problemi, ribadendo che alcuni sono anche GRAVI! Figurarsi quando poi si è costretti a un continuo SALASSO per i rifornimenti vari che ultimamente non riusciamo a garantire, saltando qualche seduta riabilitativa!

Non vogliamo, ripeto, togliere nulla a nessuno. Tutti abbiamo diritti e priorità. Chiediamo soltanto una più EQUA ripartizione delle somme a disposizione tenendo conto delle necessità di chi ha già un pesante fardello sulle spalle.

Ma soprattutto vogliamo uscire da questa INVISIBILITÀ e far conoscere a ogni singolo cittadino anche questa realtà fatta di sofferenza, sacrifici, disperazione, ma anche di profonda dignità per chi non considera i propri figli malati, ma soltanto in possesso di diverse capacità, figli che anzi sanno darti la forza di resistere e di amarli, nonostante la società, le istituzioni e gli enti non siano ancora pronti a fare altrettanto.

Vogliamo anche DENUNCIARE tramite la vostra autorevole associazione, la mancanza di centri nella nostra cittadina. Le suddette assistenze, infatti, ci supportano fino alle medie. Poi il nulla. Siamo abbandonati a noi stessi e persone con figli già grandi, che nel centro avevano trovano un senso, un sollievo e tante attività creative, si ritrovano catapultati spesso a casa perché non si ha dove portarli e cosa fargli fare, vanificando spesso tutta la riabilitazione fatta con tanti sacrifici!

Ci è stato detto che si sarebbe creata una convenzione con il centro Maugeri che opererebbe presso l’ospedale di Sciacca, consentendoci di avere la riabilitazione vicino casa, togliendoci anche da strade e viadotti pericolosi, finalmente a chilometro zero e eliminando il bonus del carburante. Bella iniziativa, se non fosse per il fatto che alla messa in funzione di questo servizio presso il centro Maugeri si partirebbe già con “una lunga lista d’attesa” (dichiarazione esposta in un’intervista televisiva recente) cui dovremmo aggiungerci noi, aspettando molto probabilmente anni prima di potervi accedere, anni durante i quali saremmo costretti a viaggiare con oneri pesantissimi senza il bonus carburante!

Dove sono le Istituzioni? Questo rimbalzo fra Regione e Comune di Sciacca ci sta costando quasi 6 mesi di ritardo nell’erogazione di queste somme e nel frattempo abbiamo maturato altri 3 mesi da dover presentare all’ufficio Affari Sociali dove siamo liquidati con la medesima frase “non ci sono i soldi”. Tiritera che non giustifica più un sistema che non assiste a sufficienza, spreca risorse e fa tagli dove invece non dovrebbe.

Siamo convinti che con la vostra Associazione di promozione sociale farete vostro questo problema e questa battaglia per farci uscire dall’anonimato, far conoscere anche questa realtà e ottenere delle risposte o dei segnali che possano riaccendere in noi un po’ di ottimismo.

Nessun contributo, nessun assegno o sussidio guarirà mai alcuni di questi piccoli disabili, ma sicuramente la consapevolezza di essere tutelati correttamente potrà consentire a noi, come famiglie, di continuare a fare dei sacrifici non solo con la nostra dignità difesa con le unghie e con i denti, ma anche con un po’ di serenità in più.

Cordialmente,

Tante famiglie di disabili del Centro AIAS di Castelvetrano

PRIMO NATALE

Pubblicato: 24 dicembre 2012 in Amici e Famiglia
Tag:, , , ,

papangeloEcco, ci siamo. E’ passato un anno dal tuo ultimo Natale… ricordo che la mamma era preoccupata ma tu hai voluto venire ugualmente a festeggiare a casa nostra, insieme a tanti amici, parenti ed eri felice. Ti piaceva il Natale. Facevi sempre il presepe e l’albero e anche nella malattia non volevi privarti di questa magia.

Si, l’anno scorso eravamo anche tanti e sopratutto c’era il tuo adorato nipotino con cui hai giocato e ti sei divertito, con il cuore, in tutte le altre feste,  prima di iniziare la rapida discesa che ti ha allontanato da noi. Per sempre. Sono contento che ci sei stato, che ti sei divertito sfidando i dolori, la stanchezza…non so se sia stata una coincidenza ma mai come il tuo ultimo Natale siamo stati così vicini.

Ora sei lassù e mi manchi. Le feste si sa, portano gioia ma anche la malinconia di pensare che le abbiamo passate sempre insieme e che questo sarà il primo dei tanti Natale, Capodanno, compleanni, Pasqua…senza la tua presenza, il tuo sorriso, la tua vitalità che però, lo so, sarà presente nel cielo da dove avrai sicuramente preparato tante altre albe e tramonti, fiori e colori per ricordare a noi che siamo qui, che la vita non finisce, ma sa elevarsi a qualcosa di inspiegabile ma non per questo meno fantastica.

Anche se, come tanti figli nel pomeriggio della vita, non ho mai saputo dimostrarlo, ti voglio bene, papà.

Te ne vorrò sempre, buon Natale anche a te.

Cari amici, clienti e colleghi di radio,
volevo condividere insieme a voi con gioia, la notizia che con un pizzico di sana soddisfazione vi comunico con piacere;
dal 18 di settembre la mia voce fa parte ufficialmente del nuovo programma “RICETTE DI FAMIGLIA” con Davide Mengacci e Michela Coppa, prodotto e scritto da Elio Bonsignore per la TV&Media srl, per la regia di Rodolfo Ruberti.
Il format va in onda ogni sabato dalle 11.00 su RETE 4 e gira l’Italia e il mondo alla ricerca di ricette appunto di famiglia, che vengono tramandate e fanno parte della tradizione dei nuclei familiari partecipanti, di volta in volta alla trasmissione.
La mia è la voce ufficiale del programma, sia per le schede di presentazione delle famiglie che partecipano sia per il riepilogo finale dei contenuti del programma.
Un grosso risultato che premia la passione che per anni ho profuso in questo “mestiere nell’ombra”; risultati importanti conseguiti lavorando con realtà radiofoniche e televisive private un pò di tutta l’Italia con format radiofonici e voce per documentari e che adesso raggiunge la ribalta nazionale.
Un grosso grazie, quindi a chi mi ha sempre sostenuto e ha creduto in me ed al pubblico senza il quale chi fa spettacolo non potrebbe nemmeno esistere.
Joe Prestia